Blog ufficiale della Cooperativa Sociale Il Cerchio

Articoli con tag ‘usl’

L’Isola che c’è

Centro Diurno Socio-Riabilitativo ed Educativo

Il Centro Socio-riabilitativo ed educativo diurno “l’Isola che c’è” è un servizio di accoglienza diurna a carattere socio-riabilitativo ed educativo con percorsi riabilitativi a termine, destinato a disabili gravi in età adulta che hanno assolto l’obbligo scolastico.

Situato al piano terra all’interno dell’immobile di proprietà della Cooperativa Il Cerchio nel Comune di Giano dell’Umbria, ha le funzioni di offrire un servizio mirato al recupero, allo sviluppo o mantenimento di funzioni adattive perdute o non ancora strutturate, di autonomie funzionali e sociali, con progetti individuali programmati a medio e lungo termine, finalizzati anche alla restrizione della partecipazione alla vita sociale.

Il servizio, attraverso l’attività diurna di Operatori con competenze sia tecniche che relazionali, accompagna gli utenti in percorsi di socializzazione, integrazione ed anche (laddove possibile) di autonomia lavorativa. Tramite numerose attività (lavoro con legno, paste modellabili, tessuti e filati, etc.) contribuisce a mantenere vive le abilità dell’utenza anche laddove risultino residue. Mira inoltre a facilitare l’acquisizione di regole condivise, senso del dovere, rispetto per gli altri, rispetto degli orari e dei materiali del laboratorio e, come scopo principale, di far divenire il soggetto parte attiva del gruppo. È un luogo aperto che stimola l’interscambio tra il gruppo ed il contesto sociale anche attraverso attività ricreative come uscite, gite e soggiorni. Si propone di dare alle persone del territorio con disabilità, interventi assistenziali in grado favorire attività commisurate alle potenzialità di ciascuno.

L’organizzazione dei laboratori vuole cogliere sempre l’interesse degli utenti e il confronto con il territorio. L’attenzione all’igiene personale, alla verifica e sviluppo di piccole autonomie, il pranzo insieme, la programmazione di uscite e la possibilità di svolgere dei piccoli soggiorni rappresentano una modalità di gestione dei Centri focalizzata alla persona come portatore di una dignità umana imprescindibile.

Fondamentale è costruire con la città una rete collaborativa per lo sviluppo di attività, laboratori, processi di socializzazione e prodotti culturali. L’Isola collabora attivamente con le Associazioni del territorio, con le scuole, il Comune di Giano dell’Umbria e la Usl locale. Garantisce sostegno alla famiglia, per alleviare l’impegnativo carico assistenziale attraverso l’accoglienza giornaliera, con articolazione oraria strutturata sull’intera settimana in base ad una programmazione formalizzata e strutturata.

L'isola che c'è di Giano ver3.0.pub1L'isola che c'è di Giano ver3.0.pub2

Festa di Natale a Terraja

Musica, balli e tanto divertimento

Musica, dolci e aria di festa alla Residenza Protetta di Terraja, dove lo scorso venerdì si è svolta la festa di Natale. Gli ospiti, in compagnia dei propri parenti e degli operatori della struttura hanno festeggiato l’arrivo del Natale, con una grande festa condita da musica, balli ed un ricco rinfresco offerto dai famigliari.

E’ stato un grande successo pieno di risate e divertimento di tutti i presenti che, dal primo pomeriggio fino alla sera hanno festeggiato l’arrivo del Natale. Gli ospiti hanno partecipato attivamente nella preparazione ma sopratutto nello svolgimento, ballando insieme agli operatori.

Si ringraziano i volontari dell’associazione ANTEAS, per l’animazione musicale.

 

 

 

Venerdì 28 ottobre alla sala Frau un approfondimento sulla legge 134/2015 sull’autismo

Si terrà venerdì 28 ottobre, presso la Sala Frau il convegno “Lo stato dell’arte della legge 134/2015 ad un anno dalla sua promulgazione: dal nazionale al locale, quali prospettive?”. Sarà un’occasione per riflettere sulla legge sull’autismo ad un anno dalla sua promulgazione con esperti del settore e rappresentanti delle istituzioni.

Trovarsi accanto a persone con disturbi dello spettro autistico comporta per i famigliari momenti di smarrimento e forte sconforto, e spesso la reazione più comune è quella dell’isolamento.

L’intento del convegno è proprio quello di creare un’occasione di confronto e dialogo prospettando percorsi  reali di presa in carico condivisa tra tutte le realtà della società civile, facendo sì che il disturbo dello spettro autistico non sia più evitato ma attraversato e compreso.

L’evento sarà suddiviso in più parti. Alle 15 circa si comincia con i saluti di rito, interverranno il vice sindaco del Comune di Spoleto Maria Elena Bececco, la presidente della Cooperativa sociale Il Cerchio Serenella Banconi, Imolo Fiaschini Direttore generale Usl 2 Umbria, la presidente dell’ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) Umbria Onlus Paola Carnevali, il Direttore della Caritas Diocesana Spoleto-Norcia Giorgio Pallucco e Francesca Cesarini presidente della Cooperativa La Locomotiva.

Alle 15,45 è prevista la prima sessione di approfondimento sulla legge 134/2015 con l’intervento dell’onorevole Marina Sereni (vice presidente della Camera dei Deputati), il senatore Gianluca Rossi firmatario della legge e l’assessore alla Salute e Welfare della Regione Umbria Luca Barberini. Modera Sandro Corsi.

Alle 16,45 la seconda parte dell’approfondimento della legge vedrà spostare il piano della discussione a livello regionale. Intervengono Angiolo Pierini (Responsabile Centro Regionale Disturbo dello Spettro autistico), Antonia Tamaniti (Direttore Dipartimento Salute Mentale USL 2), Marco Grignani (Psichiatra Dipartimento Salute Mentale USL 1), Sabrina Boarelli (Ufficio Scolastico Regionale), Simona Antinarelli (Direttore Distretto di Spoleto USL 2), Moira Paggi (consigliera ANGSA Umbria Onlus). Modera Costantino Cacciamani.

Dalle 18,00 spazio invece agli interventi liberi.

Scopo finale dell’evento sarà quindi quello di costruire insieme un luogo di comuni intenti e stringere un patto che tenda ad assicurare e rendere realmente esigibili alle persone con disturbo dello spettro autistico, al pari di tutte le persone, i diritti di cittadinanza dichiarati dalla nostra Costituzione. L’appuntamento è venerdì 28 ottobre dalle 15 alle 19, a Spoleto presso la Sala Frau in vicolo San Filippo 16.

Il convegno è organizzato dalla regione Umbria, Comune di Spoleto, Usl 2 Umbria, Ufficio Scolastico regionale, Associazione ANGSA, Cooperativa Il Cerchio, Cooperativa ACTL e Cooperativa La Locomotiva.

Al termine del convegno è previsto un breve aperitivo. La partecipazione è libera.

convegnoautismo

Curare la fragilità: sfide, diritti o desideri?

XVIII convegno cure palliative

Siete tutti invitati al Convegno “Curare la fragilità: sfide, diritti o desideri?”, sabato 24 Ottobre alle ore 9.00 all’hotel Albornoz di Spoleto.

Si ricorda che il convegno è gratuito, per parteciparvi è necessario iscriversi (tramite l’apposito opuscolo o nell’apposita sezione nel sito dell’usl umbria 2)

Convegno cure palliativeConvegno cure palliative2

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: