Blog ufficiale della Cooperativa Sociale Il Cerchio

Articoli con tag ‘giano dell’umbria’

L’Isola che c’è

Centro Diurno Socio-Riabilitativo ed Educativo

Il Centro Socio-riabilitativo ed educativo diurno “l’Isola che c’è” è un servizio di accoglienza diurna a carattere socio-riabilitativo ed educativo con percorsi riabilitativi a termine, destinato a disabili gravi in età adulta che hanno assolto l’obbligo scolastico.

Situato al piano terra all’interno dell’immobile di proprietà della Cooperativa Il Cerchio nel Comune di Giano dell’Umbria, ha le funzioni di offrire un servizio mirato al recupero, allo sviluppo o mantenimento di funzioni adattive perdute o non ancora strutturate, di autonomie funzionali e sociali, con progetti individuali programmati a medio e lungo termine, finalizzati anche alla restrizione della partecipazione alla vita sociale.

Il servizio, attraverso l’attività diurna di Operatori con competenze sia tecniche che relazionali, accompagna gli utenti in percorsi di socializzazione, integrazione ed anche (laddove possibile) di autonomia lavorativa. Tramite numerose attività (lavoro con legno, paste modellabili, tessuti e filati, etc.) contribuisce a mantenere vive le abilità dell’utenza anche laddove risultino residue. Mira inoltre a facilitare l’acquisizione di regole condivise, senso del dovere, rispetto per gli altri, rispetto degli orari e dei materiali del laboratorio e, come scopo principale, di far divenire il soggetto parte attiva del gruppo. È un luogo aperto che stimola l’interscambio tra il gruppo ed il contesto sociale anche attraverso attività ricreative come uscite, gite e soggiorni. Si propone di dare alle persone del territorio con disabilità, interventi assistenziali in grado favorire attività commisurate alle potenzialità di ciascuno.

L’organizzazione dei laboratori vuole cogliere sempre l’interesse degli utenti e il confronto con il territorio. L’attenzione all’igiene personale, alla verifica e sviluppo di piccole autonomie, il pranzo insieme, la programmazione di uscite e la possibilità di svolgere dei piccoli soggiorni rappresentano una modalità di gestione dei Centri focalizzata alla persona come portatore di una dignità umana imprescindibile.

Fondamentale è costruire con la città una rete collaborativa per lo sviluppo di attività, laboratori, processi di socializzazione e prodotti culturali. L’Isola collabora attivamente con le Associazioni del territorio, con le scuole, il Comune di Giano dell’Umbria e la Usl locale. Garantisce sostegno alla famiglia, per alleviare l’impegnativo carico assistenziale attraverso l’accoglienza giornaliera, con articolazione oraria strutturata sull’intera settimana in base ad una programmazione formalizzata e strutturata.

L'isola che c'è di Giano ver3.0.pub1L'isola che c'è di Giano ver3.0.pub2

Annunci

Sviluppo della manualità

Impariamo divertendoci

Apprendere a volte è un’attività noiosa, ripetitiva e triste. Ma non per noi dell’Asilo Nido I Colori del Mondo, dove impariamo divertendoci un sacco!

Ci siamo dati un gran da fare nello sviluppo sensoriale ed in particolar modo nell’apprendimento della manualità in tutte le sue forme: manualità fine, coordinazione oculo-manuale, sviluppo della presa a pinza… Ogni scusa è buona per tirare fuori il materiale ed iniziare a giocare!

Se ci credi i sogni possono diventare realtà

I ragazzi di Radio Isola Web hanno incontrato il Maestro Mogol

Mercoledì 24 Gennaio noi ragazzi di Radio Isola Web abbiamo avuto il privilegio di essere ospiti del più grande paroliere italiano degli ultimi anni: il Maestro Giulio Rapetti in arte Mogol.

L’invito è dovuto al nostro libro “Buongiorno Mondo” dove Mogol ci ha onorato scrivendo la prefazione. Quindi abbiamo pensato di approfittare dell’occasione e consegnare di persona una copia del libro al Maestro.

Alla partenza dall’Isola eravamo tutti euforici perchè ci eravamo preparati tante domande da fare a Mogol come dei veri e propri dj professionisti. All’arrivo, alla “Tenuta dei Ciclamini”, anche sede di una scuola di musica e di uno studio di registrazione, nonchè dimora del Maestro da ormai molti anni, abbiamo trovato ad accoglierci nel migliore dei modi Daniela, moglie e manager di Mogol e tutto lo staff che lavora con loro.

A quel punto l’emozione ha preso il sopravvento e tutte le domande preparate hanno lasciato spazio all’improvvisazione. Il “signor Giulio”, come tutti lo chiamano, ci ha messo subito a nostro agio e ne è venuta fuori una bella chiacchierata e un bel confronto dove ci ha incoraggiato a continuare il nostro percorso perchè, come dice lui, attraverso la radio abbiamo la possibilità di esprimere le nostre emozioni.

Questa giornata si è conclusa con un pranzo speciale in compagnia di un’icona della musica italiana che con noi è stata gentile e molto disponibile.

La nostra radio è partita come una scommessa e quando noi Dj ci siamo guardati in faccia a casa di Mogol abbiamo provato tanta soddisfazione e voglia di andare avanti.

Dal Giornalino “Non Solo Fra di Noi” n.644

Tanti nuovi giochi

L’asilo nido I Colori del mondo si arricchisce di tanti giochi nuovi

Un bellissimo divanetto, un simpaticissimo bruco ed una casetta tutta colorata. Sono solo alcuni dei nuovi giochi ed arredi da esterno dell’Asilo Nido I Colori del Mondo, che arricchisce la già nuovissima “attrezzatura” per il gioco dei bambini. In attesa della bella stagione i nuovi giochi sono stati “collaudati” all’interno dell’asilo, con molta curiosità da parte di tutti.

A giudicare dai sorrisi, i bambini sono stati molto soddisfatti dei nuovi acquisti!

Non vediamo l’ora di poter svolgere nuovissime attività all’aperto!!!

Piccoli bambini crescono

All’Asilo Nido di Giano dell’Umbria prosegue il progetto per l’autonomia dei bambini

“Aiutami a fare da solo”. E’ questo il mantra dell’Asilo Nido I Colori del Mondo di Giano dell’Umbria, che tramite il progetto educativo vuole far acquisire ai bambini delle piccole autonomie in ambito domestico. Mangiare da soli è una piccola azione alla base della vita domestica, che i bambini iniziano ad acquisire già in questa età. Ma all’Asilo Nido non ci siamo limitati a questo. L’intera gestione del momento del pasto è stata svolta con la costante supervisione delle educatrici che hanno sempre affiancato i bambini, ma in totale autonomia dei bambini, che oltre a mangiare da soli, sono stati in grado di versare l’acqua nel bicchiere, prendersi da soli il secondo e, a fine pasto, riporre i piatti sporchi nell’apposito vassoio.

Frank Clark, famoso politico americano, una volta ha detto: “La cosa più importante che i genitori possono insegnare ai loro figli è come andare avanti senza di loro“.

I primi passi sono stati mossi e, se già nel mese di Novembre i bambini sono in grado di mangiare e gestire il momento del pasto in piena autonomia… cosa riusciranno a fare alla fine dell’anno?

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: