Blog ufficiale della Cooperativa Sociale Il Cerchio

Articoli con tag ‘figlio’

Una vita di passioni

Ago, filo e un grande amore

Marianna, una simpaticissima signora di 88 anni, vedova da tempo, vive con suo figlio da sempre. A lui ha dedicato la sua vita, tutti i suoi anni. Ora lui sta facendo lo stesso con lei, prendendosi cura di sua madre.

Nell’arco della nostra intera vita ci sono delle cose che rimangono impresse dentro di noi, come dei ricordi indelebili che fanno parte della nostra persona e del nostro carattere. Per Marianna il ricamo è stato da sempre la sua passione, è un’attività che le piace moltissimo e la fa stare bene. Fin da bambina ha iniziato a fare le sue prime creazioni. Anche oggi armata di ago e filo, continua a lavorare e creare, continuando a coltivare la sua passione, come faceva quando era giovane e, ci racconta, preparava il corredo che sarebbe poi servito per il suo matrimonio.

 

Alina Spitoni

Questa settimana al Cinema

La programmazione dal 18 al 24 Febbraio

SALA FRAU:

ZOOTROPOLIS – Un film di Byron Howard, Rich Moore, Jared Bush

VENERDI’ 19: 16:30 – SABATO 20:  16:30 – 18:30 – 21:30 – DOMENICA 21: 16:30 – 18:30 – 21:30 – LUNEDI’ 22: 16:30 – MARTEDI 23: 16:30 – MERCOLEDI 24: 16:30

SALA PEGASUS:

IL FIGLIO DI SAUL – Un film di László Nemes

GIOVEDI’ 18: 18:30 – VENERDI’ 19: 18:30 – SABATO 20:  16:30 – DOMENICA 21: 21:30

PERFETTI SCONOSCIUTI – un film di Paolo Genovese

GIOVEDI’ 18: 21:30 – VENERDI’ 19: 21:30 – SABATO 20:  18:30 – 21:30 – DOMENICA 21: 16:30 – 18:30

Se un giorno mi vedrai vecchio…

Se mi sporco quando mangio e non riesco a vestirmi… abbi pazienza, ricorda il tempo che ho trascorso ad insegnartelo.

Se quando parlo con te ripeto sempre le stesse cose… non mi interrompere… ascoltami, quando eri piccolo dovevo raccontarti ogni sera la stessa storia finchè non ti addormentavi.

Quando non voglio lavarmi non biasimarmi e non farmi vergognare… ricordati quando dovevo correrti dietro inventando delle scuse perchè non volevi fare il bagno.

Quando vedi la mia ignoranza per le nuove tecnologie, dammi il tempo necessario e non guardarmi con quel sorrisetto ironico ho avuto tutta la pazienza per insegnarti l’abc; quando ad un certo punto non riesco a ricordare o perdo il filo del discorso… dammi il tempo necessario per ricordare e se non ci riesco non ti innervosire… la cosa più importante non è quello che dico ma il mio bisogno di essere con te ed averti li che mi ascolti.

Quando le mie gambe stanche non mi consentono di tenere il tuo passo non trattarmi come fossi un peso, vieni verso di me con le tue mani forti nello stesso modo con cui io l’ho fatto con te quando muovevi i tuoi primi passi.

Quando dico che vorrei essere morto… non arrabbiarti, un giorno comprenderai che cosa mi spinge a dirlo. Cerca di capire che alla mia età non si vive, si sopravvive.

Un giorno scoprirai che nonostante i miei errori ho sempre voluto il meglio per te che ho tentato di spianarti la strada. Dammi un po’ del tuo tempo, dammi un po’ della tua pazienza, dammi una spalla su cui poggiare la testa allo stesso modo in cui io l’ho fatto per te.

Aiutami a camminare, aiutami a finire i miei giorni con amore e pazienza in cambio io ti darò un sorriso e l’immenso amore che ho sempre avuto per te.

Ti amo figlio mio.

 

Marco M.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: