Blog ufficiale della Cooperativa Sociale Il Cerchio

Articoli con tag ‘associazione’

Un anno… Special

In arrivo il calendario 2018 del Team Special Olympics Spoleto

Il 2017 è ormai agli sgoccioli, presto arriverà un nuovo anno. Guardando indietro ci vengono in mente numerosi ricordi, bei momenti e fotografie delle attività svolte in questi 365 giorni, colme di gioia e soddisfazione per tutti i nostri atleti.

Dal Nuoto al calcetto, dall’atletica alle bocce ogni manifestazione è stata pienamente onorata dai nostri atleti con impegno e grandi prestazioni, che hanno portato a numerosi risultati.

Oggi possiamo rivivere ogni momento con il nuovissimo calendario del Team Special Olympics Spoleto per l’anno 2018, con numerose foto al suo interno!

Per prenotarlo contattare il numero 0743221300 o inviare una mail a special.olympics.spoleto@gmail.com

Si ringrazia la Banca Popolare di Spoleto, che ha contribuito alla realizzazione dei calendari.

Annunci

Premio Nicola Marrone per il sociale al Team Special Olympics Spoleto

Il Team Spoletino premiato a Terni

Il premio Nicola Marrone, istituito nel 2011, viene assegnato ogni anno a persone ed associazioni che abbiano dato un contributo nel campo del volontariato, della promozione sociale, della tutela ambientale, della cultura e del giornalismo.

Il Team Special Olympics Spoleto, che dal 2014 si impegna nell’inclusione sociale attraverso l’attività sportiva, dopo aver partecipato ai giochi nazionali di Terni e Narni svolti lo scorso Maggio, torna nel ternano per ricevere il premio Nicola Marrone. In particolare il Team è stato premiato per l’impegno profuso nella promozione e valorizzazione dello sport e dell’integrazione sociale.

Una piccola delegazione, formata da due responsabili, un volontario e cinque atleti si sono quindi recati alla sala del Consiglio Comunale di Terni, dove ha ricevuto il premio dall’Associazione Sociale Culturale Ricreativa Guglielmi Onlus. Visibile la soddisfazione e la gioia dei protagonisti, che vogliono esprimere un sentito ringraziamento a Lorenzo Gianfelice che ha reso possibile questo evento e a Cristiano Giocondi, da sempre vicino al Team Special Olympics Spoleto.

I migranti richiedenti lo status di protezione internazionale potranno realizzare attività di volontariato

Firmato protocollo d’intesa con il Comune di Spoleto

Tre i soggetti che collaboreranno insieme al Comune di Spoleto: la Cooperativa Sociale Il Cerchio, l’A.Se. Spoleto S.r.l. e l’associazione di volontariato “I miei tempi”.

“è la parola dignità a contraddistinguere questo protocollo – sono state le parole del Vicesindaco Maria Elena Bececco nel corso della conferenza stampa – è un segnale importante perché si tratta di un accordo che permetterà ai ragazzi ospitati a Spoleto di svolgere attività socialmente utili a favore della comunità”.

Quarantadue i migranti a Spoleto all’interno del progetto “Emergenza sbarchi”; uomini tra i 19 e i 30 anni (non ci sono ad oggi famiglie, né minori) che potranno essere impegnati in lavori di piccola manutenzione sia nei giardini pubblici, che nelle aree cimiteriali.

“Alcuni sono a Spoleto da poco e, per i primi sei mesi, non possono svolgere questo tipo di attività. Per ora quindi sono stati individuati cinque ragazzi, che conoscono meglio degli altri l’italiano e che hanno dato da subito la propria disponibilità; due di loro affiancano già gli operai dell’A.Se. che lavorano nelle aree cimiteriali della città – ha spiegato Patrizia Costantini, Presidente dell’associazione di volontariato “I miei tempi” – Spoleto è una realtà che sta lavorando molto bene su questo fronte: se i circa 8.000 comuni italiani lavorassero tutti sul fronte dell’accoglienza non ci sarebbe più alcuna emergenza”.

Il tutto avviene secondo una programmazione di orari e di giorni lavorativi che li vede impegnati dal lunedì al sabato, dalle ore 9 alle ore 13.

“Questi ragazzi svolgono con noi una attività che riguarda la manutenzione leggera nei luoghi dove, come azienda, siamo chiamati ad effettuare altri tipi di lavori – ha tenuto a precisare l’Amministratore Unico dell’A.Se. Spoleto S.r.l. Giuseppe Scatolini – Stiamo cercando di inserirli all’interno di un ciclo di lavoro che può aiutare a rendere migliore la città, specialmente nel centro storico. In questa prima fase ci concentreremo sui trentacinque cimiteri di Spoleto”.

“Sono ragazzi che hanno voglia di dare un contributo alla comunità – ha dichiarato Costantino Cacciamani, Vicepresidente della Cooperativa Sociale Il Cerchio – Da parte nostra, insieme all’amministrazione comunale, c’è uno sforzo per far sì che tutto questo avvenga all’insegna della dignità. Proprio per questo sono tutti impegnati anche in attività culturali e sportive, come ad esempio i corsi di lingua italiana”.

Dal sito www.comunespoleto.gov.it – Comunicato stampa di Davide Fabrizi

Firma-Protocollo-migranti-02-640x320

Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze

Inizia un nuovo anno sportivo per il Team Special Olympics Spoleto

Ottobre è il mese che sancisce il definitivo arrivo dell’autunno, con i suoi colori e sfumature variopinte. Ma è anche l’inizio dell’anno sportivo e delle attività del Team Special Olympics Spoleto, che per il quarto anno consecutivo è pronto sui blocchi di partenza con gli atleti che scalpitano per la ripresa degli allenamenti.

Calcetto, Atletica, Bocce e Nuoto sono gli sport praticati dal Team e dagli atleti speciali i quali, con sacrificio ed impegno costante, hanno ottenuto in questi anni risultati straordinari, culminati con la vittoria di numerose medaglie ai vari giochi nazionali. Anche quest’anno il Team è pronto per iniziare gli allenamenti e partecipare alle varie iniziative che si presenteranno durante l’anno. Un percorso che porterà ai giochi nazionali di Montecatini Terme, evento in cui i nostri ragazzi potranno dare prova delle loro abilità, mettendo a frutto gli allenamenti che verranno svolti.

Non ci resta che augurare al Team Special Olympics Spoleto ed a tutti gli atleti un grande in bocca al lupo!

Proiezione del Film/Documentario “Rebibbia”

Progetto di teatro terapia realizzato all’interno del penitenziario

21 attori, 2 anni di lavoro, 1 solo obiettivo. Questi i numeri del Film/Documentario “Rebibbia – Liberi di ricominciare”. Il Docufilm, diretto da Amedeo Staiano e Guglielmo Mantineo, vede realizzarsi di un duro lavoro del laboratorio integrato di Teatro-terapia, svolto dalle Psicologhe Psicoterapeute Dott.ssa Sandra Vitolo e Irene Cantarella, che coinvolge detenuti minorati psichici affiancati da detenuti comuni, svolto all’interno della Casa di Reclusione di Rebibbia Roma.

Sul palcoscenico 21 attori detenuti si sono esibiti per rappresentare emozioni realmente vissute e frammenti di vita, seguendo un copione interamente autobiografico. Le vicende portate in scena e, successivamente raccontate nel Docufilm, narrano dell’uomo e del suo riscoprirsi persona all’interno dell’istituzione totale. Storie di fragilità e di solidarietà, storie di ricerca di un’identità diversa oltre l’etichetta deviante; percorsi di responsabilizzazione personale e di affermazione della propria dignità umana, per mettersi in gioco anche di fronte ad un pubblico esterno: un viaggio alla riscoperta di sé, per portare la propria voce al di là del muro, in un’ottica di rinnovata speranza e di cambiamento possibile.

L’evento si svolgerà alla presenza dei registi Amedeo Staiano e Guglielmo Mantineo, modererà l’incontro Daniele Ubaldi, direttore Editoriale del sito internet spoletonline.com

Dalle ore 20.00 sarà offerto un aperitivo

In caso di pioggia o maltempo l’evento si svolgerà presso il Cinema Sala Frau

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: