Blog ufficiale della Cooperativa Sociale Il Cerchio

Articoli con tag ‘amore’

Il re e le sue quattro mogli

Una storia del Gambia che ci fa capire i veri valori della Vita

Il mondo gira veloce e noi giriamo con lui. Però in questa frenesia, in questo immenso girare, spesso perdiamo di vista le cose davvero importanti. Questa favola originaria del Gambia, tratta dal libro “FIABE IN CAMMINO” scritto da ragazzi rifugiati e richiedenti asilo, ci vuole far riflettere su ciò che conta davvero. Buona lettura.

C’era una volta un Re e le sue quattro mogli. Un giorno il Re stava male, era sul suo letto di morte e aveva paura di andare all’altro mondo solo. Chiese alla sua quarta moglie, quella che amava di più e alla quale aveva comprato un diamante, oro e vestiti eleganti “vuoi morire e andare con me all’altro mondo?” La quarta moglie rispose “scusami, non posso farlo” e se ne andò per sempre. Lui amava anche la sua terza moglie, ne era molto orgoglioso e volle prenderla dai regni vicini.

Chiamò la terza moglie e le chiese “vuoi accompagnarmi all’altro mondo?” La terza moglie rispose “io amo molto la mia vita, scusami, non posso venire con te, quando morirai io mi risposerò.”

La seconda moglie era sempre lì, in caso di necessità. Così le chiese “vuoi accompagnarmi all’altro mondo?” La seconda moglie rispose “Scusami, io non posso aiutarti oltre questo tempo, ma quello che posso fare è organizzare il tuo funerale, e parteciperò al tuo funerale.”

Una voce risuonò e disse “io lo lascerò con te, e ti seguirò ovunque tu andrai, anche nell’altro mondo.” Il resi guardò attorno, era la prima moglie, ma questa era la moglie che lui aveva messo alla fine. “Scusami, potevo avere più cura di te e darti più attenzioni quando ero in vita.”

La morale di questa storia è che tutti noi abbiamo quattro mogli. La nostra quarta moglie è il nostro corpo. Ci piace decorarlo con bei gioielli, bei vestiti ma alla fine lui non potrà seguirci nell’altro mondo.

La terza moglie rappresenta ciò che possediamo, noi spendiamo molto tempo ad accumulare un patrimonio ma alla fine non potrà seguirci nell’altro mondo, verrà dato ad altre persone e diviso,come la terza moglie disse che si sarebbe risposata.

La seconda moglie rappresenta i nostri amici e la famiglia, noi crediamo che loro siano lì per noi in tempo di necessità,ma sfortunatamente non possono venire con noi, saranno al nostro funerale per dirci addio.

La prima moglie rappresenta la nostra anima. Di solito trascuriamo di voler bene alla nostra anima, questo è ciò che ci segue nell’altro mondo, prenditi cura del tuo corpo e goditi il tuo patrimonio, la tranquillità che ti procura l’affetto dei tuoi amici e della famiglia, ma non dimenticare di prenderti cura della tua anima, nutri la tua anima. Prenditi del tempo per stare da solo, prenditi del tempo per pregare,tempo per editare, perché è la sorgente di tutta la tua vita, e la più fedele degli amici.

Spero che questa storia possa aiutare te e chiunque tu ami.

Patrono dell’amore

Festa di San Valentino

Terni è la città di San Valentino, patrono dell’amore, custodisce nella basilica le reliquie del santo.

Al centro del coro, si trova il pozzo di San Valentino, dove vengono raccolte tutte le lettere con messaggi d’amore provenienti da tutto il mondo. Il 18 febbraio sempre a Terni si celebra la festa della promessa, con centinaia di coppie pronte a scambiarsi la promessa d’amore.

Auguri a tutti gli innamorati, vogliamoci tutti bene.

cuore.jpg

“Quelli di Articolo 1” – Dal Giornalino “Non Solo Fra di Noi” n.645

 

E’ questo un piccolo grande amore

Torna in scena la compagnia de Gli Instabili

Risate e tanto divertimento, ma anche serie considerazioni. E’ questo ciò che promette la Compagnia de “Gli Instabili”, composta da operatori della Cooperativa Il Cerchio, che torna sul palcoscenico con una nuova e frizzante commedia. Questa volta la compagnia ci accompagnerà in un viaggio nel mondo degli amori “diversi” attraverso tante risate ma anche importanti spunti di riflessione. Cosa vuol dire amare? A questa spinosa ed eterna domanda cercheranno di rispondere i personaggi dello spettacolo, ognuno con la propria, personalissima visione della vita, che non mancherà di stupirvi.

Lo spettacolo è la terza fatica di Silviano Ragni che, dopo i successi di “L’Amore è cieco ma…” e “Ce semo magnati la pigna con tutta la colla“, torna alla ribalta con la commedia “E’ questo un piccolo grande amore“, accompagnato alla direzione da Giuseppina Bisaccioni e con un cast in parte rinnovato, con i nuovi inserimenti Caporaletti Massimiliano, Proietti Rosella, Enrico Ricciarelli, M. Luisa Fogliani e Alessia Proietti Mosca ed il sempre presente Samuele Bonanni.

L’evento è inserito all’itnerno della raccolta fondi della Cooperativa Il Cerchio ed il ricavato sarà destinato a favore delle attività della Famiglia Comunità per il Dopo di Noi di Spoleto denominata “Le Ville”.

Siete tutti invitati al Cantiere Oberdan il 19, 20 e 21 ottobre alle ore 21:30 e domenica 22 ottobre alle ore 17:00.

instabili 2017_c (2).jpg

Storie di ordinaria ironia – Racconti al femminile

Alla Sala Pegasus un incontro in occasione della Festa della Donna

La Sala Pegasus si tinge di rosa, ed in occasione della Giornata Internazionale della Donna si terrà, proprio nella Sala di Piazza Bovio, un importante evento, dal titolo “Storie di Ordinaria Ironia – Racconti al femminile”, con letture di Marina e Cristina Antonini.

Il 9 Marzo, alle ore 18.00 siete tutti invitati a partecipare all’evento, realizzato dal Comune di Spoleto, dall’Associazione Donne Contro la Guerra e dalla Cooperativa Il Cerchio.

Vi aspettiamo numerosi!!

MONNALISA

Marco Pennacchi

Un dolce San Valentino

Ad Articolo 1 sboccia l’amore

Amore in tutte le sue forme: quello scherzoso, fraterno, vero, sincero.. Quello che ci fa ridere e ci fa sognare

San Valentino sta arrivando, ed insieme a lui… anche cupido lancia le sue frecce. Avrà fatto breccia nei cuori di operatori ed ospiti del Centro Diurno? Guardando il filmato… sembra proprio di sì.

Buon San Valentino a tutti!!!

Emanuela Rosati

San Valentino secondo Favolandia

Un San Valentino molto… dolce

Nella nostra programmazione si parla di cibo, sapore, colore.  Dato che siamo prossimi al 14 Febbraio, ci abbiniamo la festa dell’amore!!!

Per la festa più dolce noi prepariamo… un bel dolce!!

Ecco gli ingredienti: pandoro, crema, cioccolato, zucchero a velo… cuochi in azione!!

Maria Chiara Masciotti

San Valentino in Maschera – Le foto

Grande partecipazione della Cooperativa alla festa di Carnevale del 14 Febbraio scorso

Una grande partecipazione per una grande festa. Una festa che ha visto partecipe la gran parte degli operatori della Cooperativa Il Cerchio, alla discoteca Prophet di Campello.

Tra musiche di Liscio, balli di Gruppo e Discomusic, dalle 21,30 fino alle cosiddette “ore piccole”, tutti si sono più o meno “destreggiati” sulla pista da ballo ed in qualche caso anche sul “cubo” tanto ambito ma anche tanto temuto dai più timidi.

Gli operatori di tutti i servizi si sono così riuniti in una grande festa, che ha visto come protagoniste le “maschere”.

Quasi tutti infatti hanno accolto lo spirito del “San Valentino in Maschera” indossando un costume di carnevale. Qualche operatore è risultato irriconoscibile ed è, a tutt’oggi un mistero la sua identità.

Ecco una carrellata di foto, pronte per essere ammirate e far rivivere la festa!

Questa presentazione richiede JavaScript.

Marco Pennacchi

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: